fbpx
AgendaBR2019-stories

La terza edizione romana di Agenda Brasil avrà luogo alla Casa del Cinema in Villa Borghese, sede delle proiezioni di film e di incontri, dibattiti e momenti musicali. Il cinema è un’occasione per fare il punto sulla cultura e su quel magma incandescente che continua a essere la società in Brasile.

Film in lingua originale con sottotitoli in italiano.
 
 

Casa del Cinema
Largo Mastroianni, 1 Roma

Ingresso gratuito

Guarda il trailer del festival

PROGRAMMA

Venerdì 6 Settembre

 

h 19.00 Clementina (Brasil, 2018, 75’) regia di Ana Rieper. Clementina de Jesus spicca nella storia della musica brasiliana per la sua voce eccezionale, per i testi poetici, i tamburi più eloquenti e il repertorio religioso di origine africana. Nipote di schiavi, con il suo canto ha mostrato tutta la gioia, la forza e il dramma della condizione dei neri in Brasile. Vincitore del Trofeo Aruanda per il miglior personaggio femminile del 2018.

h 21.00 O beijo no asfalto (Brasile, 2018, 98’) regia di Murilo Benício, basato sull’omonima opera di Nelson Rodrigues. Arandir, un giovane impiegato di banca appena sposato, soccorre un uomo investito da un autobus. L’uomo, morente, esprime l’ultimo desiderio: un bacio. Arandir bacia l’uomo, ma il gesto è visto dal suocero Aprígio e fotografato da un reporter a caccia di scoop. Il reporter indaga oltre a incitare la polizia ad investigare su una presunta relazione tra Arandir e il morto. Con Fernanda Montenegro, Lázaro Ramos, Débora Falabella, Augusto Madeira, Otávio Müller, Luiza Tiso, Amir Hadad, Stênio Garcia, Raquel Fabri, Marcelo Flores e Arlindo Lopes. Premio giuria e pubblico Agenda Brasil Milano 2019.

Sabato 7 settembre

h 15.00 Tente entender o que tento dizer (Brasile, 2018, 80’), regia di Emília Silveira. Il quotidiano di 6 personaggi sieropositivi provenienti dalle più svariate classi sociali, professioni, orientamenti sessuali e religiosi. Un documentario contro le barriere imposte dall’HIV. In contrappunto alla disinformazione, mostra che la vita è comunque ricca di possibilità e alternative. Premio del pubblico Agenda Brasil Milano 2019.

h 17.00 Beiço de estrada (Brasile, 2018, 105’) regia di Elièzer Rolim. Nel Nordest del Brasile, rustico, arido e selvaggio, Madame Lili è la padrona di un antico bordello, Beiço de Estrada, dove ha fatto prostituire le sue tre figlie. Ora è nonna di due nipoti e per loro aspira ad una vita diversa e migliore da quella delle loro madri ma l’arrivo di vecchio frequentatore darà inizio a un nuovo ciclo per il Beiço de Estrada. Con Darlene Glória, Jackson Antunes, Mayana Neiva, Luana Valentim, Rique Messias. Pluripremiato al Festival del Cinema Aruanda-João Pessoa.

h 19.00 Ayahuasca, expansão da consciência (Brasile, 2018, 73’), regia di Fausto Noro. La controversa bevanda ‘Ayahuasca’, raccontata attraverso l’esperienza personale del regista. Il documentario fornisce una visione scientifica, spirituale e antropologica dell’utilizzo dell’Ayahuasca’, dalle origini nella Foresta Amazzonica fino all’arrivo nei grandi centri urbani. Presente André Besen, direttore della fotografia.

h 21.00 George Hilton: o mundo é dos audazes (Brasile/Italia 2019, 106’) regia di Daniel Camargo. Biografia di George Hilton, una stella del cinema italiano dagli anni ’60 agli anni ’80. Hilton lasciò la sua famiglia benestante in Uruguay, avventurandosi in Italia e diventando protagonista di westerns, gialli e altri generi del cinema popolare.
Presente il regista.

Domenica 8 settembre

h 15.00 Krenak (Brasile, 2017, 74’) regia di Rogério Corrêa. Il film racconta la storia della resistenza del popolo indigeno Krenak dal 1808, data d’arrivo di Don João VI in Brasile, fino al disastro ambientale del Rio Doce, causato dalla rottura di una diga di fango e di minerali a Mariana nel 2015. Vincitore del premio Olhares e Enquadramentos del Festival Rios di Lisbona 2018. Con sottotitoli per non udenti.

h 17.00 Alguma coisa assim (Brasile / Germania, 2017, 80’) regia di Esmir Filho e Mariana Bastos. Il film racconta la storia di Caio e Mari, due giovani adulti la cui relazione va oltre qualsiasi definizione. La trama attraversa un periodo di 10 anni, in diversi momenti in cui i loro desideri divergono e la loro relazione è messa a dura prova. Una riflessione sulla sessualità, sulle etichette e su come il tempo segni e trasformi gli incontri. Il film è stato sviluppato a partire dall’omonimo cortometraggio, premiato alla 45° Settimana della critica del Festival de Cannes del 2006 ed è realizzato con gli stessi attori del cortometraggio. Con Caroline Abras, André Antunes, Clemens Schick, Juliane Elting. Premio del pubblico Agenda Brasil Milano 2019.

h 19.00 Aurora 1964 (Brasile, 2017, 106’), regia di Diego Di Niglio. Un paese in piena crisi democratica, segnato da conflitti politici e sociali, è lo sfondo del racconto dei personaggi la cui vita è stata segnata dal regime militare instaurato dopo il colpo di stato del 1964. Un esercizio di memoria che getta ponti nella storia brasiliana dei secoli XX e XXI. Premio per la migliore sceneggiatura alla 2° edizione della Mostra Nazionale Sesc di Cinema. Premio giuria Agenda Brasil Milano 2019.
Presente il regista.

h 21.00 Tungstênio (Brasile, 2017, 71’) regia di Heitor Dhalia. Dall’omonima graphic novel di Marcelo Quintanilha. Salvador, Bahia. Un sergente in pensione cerca aiuto per fermare due uomini che pescano con la dinamite. Troverà il sostegno di un trafficante che deve un favore a un poliziotto ma nulla andrà come previsto.  Con Fabrício Boliveira, Samira Carvalho, José Dumont, Wesley Guimarães, Pedro Wagner.

Agenda Brasil Roma è un evento organizzato dall’Associazione Culturale Vagaluna in collaborazione con Fusion Communication e prodotto da Christoffel Promoções e Produções.
Direzione: Regina Nadaes Marques
Staff Brasile: Vita Christoffel, Cristiana Giustino, Leandro Salomão
Staff Italia: Marcella Baraldi, Thays De Campos, Marco Palazzini
Stagiste: Claudia Capanema, Eugenia Greco
Selezione film: Marcella Baraldi, Deborah Carvalho, Cristiana Giustino, Regina Nadaes Marques, Luci Macedo, Marco Palazzini
Ufficio stampa: Fusion Communication
Ufficio Tecnico: Fabrizio Fini
Progetto grafico: Andrei Aguiar
Traduzioni e sottotitoli film: Francesco Ambrosini, Gian Luigi De Rosa, Federica Dell’Oro, Forword, Unisalento-Summer school of audiovisual translation (Marzia Buttazzo, Alessia Fiorentino, Caterina Varasano, con supervisione di G. L. De Rosa)
Teaser: Montaggio: Fabrizio Fini. Musica: Rinaldo Donati e Fernando Barreto